Oltrebolla

di Matteo Moscarda


Riporto, come da prassi, l’esito del colloquio con Monika Bressan, anni 22, nubile, figlia del tutore dell’ordine Claudio Bressan, orfana della madre Paulina Nowak, cyb 42%, appassionata di zoologia e simpatizzante relativista. Premetto che il soggetto si è presentato spontaneamente nel mio studio, in stato di piena lucidità, diversamente dal report di servizio, che segnalava uno stato confusionale. Si tratta di una giovane dallo sguardo vivace, il viso anonimo, le mani spigolose ed espressive e, in generale, un evidente condizione di salute fisica. Emocromo, test responsivo e questionario: tutti i risultati della prima parte dell’incontro sono rientrati nei parametri. Il soggetto è psico-fisicamente sano. Sono passato alla seconda fase di indagine.

Continua a leggere “Oltrebolla”
Annunci

Baci all’inferno: sull’erotismo nell’orrore (II)

di Fabrizia Gagliardi 


C’è un confine molto sottile tra l’atto sessuale e il suo racconto. Questo confine si chiama erotismo ed è composto dall’immaginario, frutto dell’attesa. La promessa di un racconto mentale è quasi più appagante della realtà stessa.

Continua a leggere “Baci all’inferno: sull’erotismo nell’orrore (II)”

Creatura della notte

di Alessandro Mambelli 


Sally Smith fu ritrovata nel cortile interno al numero 29 di Hanbury Street, Londra, il 10 gennaio 1910. Il cadavere era nudo e presentava ferite da taglio poco profonde sulle braccia, sull’addome e sulla schiena. Attorno ai tagli erano presenti segni di morsi violenti e graffi. Le orecchie erano recise e un seno amputato. La giugulare era recisa.
Sul posto giunse l’ispettore Graham di Scotland Yard per i primi rilievi, e fu con sadica ironia che notò la coincidenza: al numero 29 di Hanbury Street era stata rivenuta una delle vittime di Jack lo Squartatore. Continua a leggere “Creatura della notte”

Piccola riflessione sui luoghi del fantastico

di Federico Cenci 


Il più grande cruccio che ho come lettore riguarda la mia penosa incapacità di riportare alla mente i dettagli delle storie che leggo – belle e brutte – trascorse che sono un paio di settimane da quando chiudo per l’ultima volta il libro. Continua a leggere “Piccola riflessione sui luoghi del fantastico”

Baci all’inferno: sull’erotismo nell’orrore (I)

di Fabrizia Gagliardi 


L’amore reciproco tra uomo e donna è un’esperienza dell’immaginazione che consiste nel sostenere, da parte dell’oggetto, una speciale relazione con la vita estetico-emozionale del soggetto, e che dipende dall’esaudire, da parte dell’oggetto, certe condizioni estetiche.

Riesce difficile pensare che questa è una delle frasi più erotiche che potrete leggere da un autore. Riesce meno difficile crederlo se vi dicessi che l’autore è H.P. Lovecraft in una lettera alla sua futura moglie, Sonia Greene. È raccolta nel piccolo epistolario curato da Marco Peano e pubblicato da L’orma editore: il testo s’intitola Lovecraft in Love perché pare fu proprio questa lettera a suscitare la curiosità e l’infatuazione della donna.

Continua a leggere “Baci all’inferno: sull’erotismo nell’orrore (I)”